• Home
  • Eventi e Attività
  • Convegni e Seminari

 

 Einstein, la pace e il governo del mondo

Venerdì 1 marzo 2019 -  ore 18.00
Circolo dei lettori

Via Bogino, 9 - Torino

 

Dibattito in occasione della pubblicazione del libro di
Claudio Giulio Anta, Albert Einstein. The Roads to Pacifism (Peter Lang)


Ne discutono:

Claudio Giulio Anta, storico del pensiero politico contemporaneo
Vincenzo Barone, fisico teorico
Lucio Levi, politologo

Coordina:
Alfonso Iozzo, Presidente del Centro Studi sul Federalismo


Secondo Hobbes, scopo dello Stato è la conservazione della vita, la protezione degli individui dalla morte violenta. Nell’era atomica lo Stato ha perduto questo potere: l’umanità ha acquisito il potere di distruggere il mondo, non ancora quello di governarlo. L’antico sogno della pace mondiale si impone con l'urgenza di un obiettivo indilazionabile per fare fronte a una catastrofe incombente.

Durante la prima guerra mondiale, Einstein fu tra i fondatori di un movimento – il Bund Neues Vaterland – che mirava a creare un’organizzazione soprannazionale in Europa per prevenire futuri conflitti armati. Einstein è stato un critico dei limiti della Società delle Nazioni e dell’ONU e come Presidente del Comitato di emergenza degli scienziati atomici sostenne la creazione di un governo federale mondiale capace di prevenire la guerra atomica e di garantire la pace. È stato il promotore di un “nuovo pensiero politico” che intende la pace come la priorità politica del nostro tempo, una formula che fu condivisa da Gorbaciov nel tentativo di fermare la corsa agli armamenti e di ridurre le armi di distruzione di massa. Una prospettiva che fu perseguita dagli accordi tra Reagan e Gorbaciov e interrotta dal sogno megalomane degli Stati Uniti di diventare un impero mondiale. È un progetto che rimane un compito per il futuro.


Scarica programma

Scheda del libro


 Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 011 670 5024