• Home
  • Pubblicazioni
  • Volumi
  • Altre pubblicazioni

Altre pubblicazioni

Un piano per l'Europa Sviluppo sostenibile e occupazione

Alberto Majocchi Piano sviluppo sostenibile

 

Alberto Majocchi
Editore: Il Mulino
Anno: 2015

 


L’Europa non è ancora uscita dalla crisi e le prospettive di crescita restano modeste. Dopo le elezioni europee del maggio 2014 è emersa prepotente la necessità di andare oltre il consolidamento fiscale e di avviare un piano di sviluppo, anche per ricreare la fiducia sui mercati e favorire il rientro fiscale richiesto dal «fiscal compact». Oggi sembrano esserci tutte le condizioni per promuovere una politica di rilancio: bassa inflazione, ampia disponibilità di manodopera, disavanzo pubblico in diminuzione, surplus delle partite correnti in crescita, tassi di interesse prossimi a zero e abbondante liquidità. Il presidente della Commissione Juncker ha avanzato la proposta di un piano triennale di investimenti per 300 miliardi di euro. Il libro vuole esaminare le condizioni che devono essere soddisfatte per realizzare un piano per l’Europa: in primo luogo, i caratteri di una politica espansiva europea che deve proporsi l’obiettivo di uno sviluppo sostenibile, attraverso la produzione di beni pubblici europei (educazione superiore, ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, mobilità sostenibile, energie rinnovabili, conservazione di beni naturali e culturali), il cui finanziamento non può affidarsi unicamente al ricorso al mercato, ma deve fondarsi anche su risorse proprie attribuite al bilancio europeo; e le conseguenze istituzionali che ne conseguono fino alla realizzazione di un’Unione fiscale e, in prospettiva, di un’Unione politica.

Alberto Majocchi è professore ordinario di Scienza delle Finanze nella Facoltà di Economia dell’Università di Pavia. Già Esperto nazionale presso il Direttorato Ambiente della Commissione europea, docente all’Università di Leuven e Presidente dell’Isae. Attualmente è Vice Presidente del Centro Studi sul Federalismo di Torino e della Fondazione Magni per Ayamé (Costa d’Avorio), nonché membro del Board della Banca Popolare Commercio e Industria.